San GiovanniToday

Appio Latino: il Teatro di Villa Lazzaroni resta chiuso

La ristrutturazione del Teatro di Villa Lazzaroni sembra ad un punto morto. Intanto i residenti si autorganizzano e con i bambini ripuliscono il parco

Passano gli anni e la ristrutturazione del Teatro di Villa Lazzaroni, sede dell’ex IX Municipio, ancora non è terminata. Il Teatro resta inesorabilmente chiuso, mortificando di fatto la riqualificazione della Villa, sistemata grazie ai contributi del bando previsto dalla legge 22/2009. Alla manutenzione dell’area verde e soprattutto alla pulizia del parco, hanno poi recentemente provveduto anche i volontari del territorio.

LE PULIZIE DEI RESIDENTI - I residenti che fanno parte del Comitato Villa Lazzaroni, coinvolgendo anche anziani e bambini, si sono dati appuntamento  nel pomeriggio di mercoledì 9. Armati di buste e rastrelli hanno raccolto quintali di rifiuti. Ottenendo un grande risultato: nel pomeriggio di giovedì 10, trovare una cartaccia fuori posto piuttosto che una sigaretta a terra, è stato impossibile.

IL TEATRO RESTA CHIUSO - Ma il senso civico dei residenti dell’Appio Latino, non è sufficiente a risolvere tutti i problemi dell’ex sede del Municipio IX. Il Teatro, infatti, rimane inesorabilmente chiuso. Lo scorso anno il Presidente Susi Fantino ci aveva spiegato che l’ente di prossimità si era trovato a dover fronteggiare “interpretazioni alquanto discutibili relative  allo sforamento del tetto di spesa, cosa che ci ha bloccato alcuni progetti che stavano per esser consegnati, come nel caso del teatro di Villa Lazzaroni, che comunque è quasi finito. Un progetto che i cittadini attendono di veder concluso – riconosceva Fantino - per restituire uno spazio importantissimo in un territorio privo di luoghi pubblici dove svolgere attività culturali”.

LA CARENZA DI FONDI PER LA CULTURA - Sull’importanza dello spazio, sembra esservi comune accordo. “E’ stato uno dei Teatri più frequentati del nostro territorio – ci spiega oggi la Consigliera Flavia Cerquoni (FdI-An) – e la sua apertura, consentirebbe di far fronte anche ad un altro problema. Noi abbiamo in bilancio zero euro per la cultura. Quello, invece, potrebbe essere un catalizzatore, un attrattore di eventi e realtà culturali. Anche per questo è fondamentale riaprirlo in tempi rapidi”.

L'INTERROGAZIONE - La Consigliera di Fratelli d’Italia-An, insieme al suo Capogruppo Fulvio Giuliano ed ai Consiglieri di Forza Italia Lanotte e Matronola, ha presentato un’interrogazione al Presidente Fantino. Partendo dalla premessa che per il teatro  “chiuso da tempo al pubblico, era stata nel 2007 prevista una ristrutturazione finanziata con circa 235 mila euro”; e che successivamente “nel 2009 il restauro era stato nuovamente previsto nel bilancio partecipativo” i consiglieri hanno chiesto al Presidente del Municipio quali sia “l’attuale stato del restauro, quale sia la durata dei lavori e se, infine, ci sarà la possibilità al termine del restauro di realizzare un bando pubblico”. A tutte queste domande, il Presidente Fantino è chiamata a rispondere nel corso del Consiglio Municipale che si svolgerà nel pomeriggio del 10 luglio.

Potrebbe interessarti

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Intolleranza al lattosio: come riconoscerla

  • Sos pancia gonfia, cause e rimedi per combatterla

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Sciopero a Roma: mercoledì 24 luglio a rischio bus, metro e tram. Gli orari

  • Sciopero: domani 24 luglio stop a metro, bus, treni e taxi. Tutte le informazioni

  • Incidente a Primavalle: si ribalta con la Porsche e scappa lasciando donna agonizzante in auto

  • Metro A, nel week end chiude la tratta tra Colli Albani e Anagnina

  • Incidente Anagnina, perde il controllo della moto: muore 32enne

  • Pistola contro la vittima per rapinarla del Rolex, poi cade in scooter durante la fuga

Torna su
RomaToday è in caricamento