San GiovanniToday

Fermata Ipponio Metro C: il cantiere logistico preoccupa i residenti

L'Associazione Ipponio Verde, ricevuta dal Presidente del Municipio VII, ha chiesto di ridurre il cantiere logistico di via Ipponio. La sua presenza, necessaria per i lavori della Metro C, impatterebbe sugli alberi e sui circostanti condomini

Il completamento della nuova rotatoria di piazzale Metronio, è stato salutato con unanime consenso. La soddisfazione delle istituzioni locali, è stata infatti condivisa anche dai residenti. Molti di loro però, ritengono che ci sia ancora parecchio lavoro da fare. Una parte di questi cittadini, sta infatti adoperandosi per garantire la manutenzione del giardino a ridosso delle mura. Contestualmente, e questo è sostanzialmente un lato della stessa medaglia, cercano di proteggere anche le alberature che potrebbero esser minacciate dal cantiere per la Metro C.

IL CANTIERE LOGISTICO - Ad inizio settimana, il Presidente del Municipio VII Susi Fantino, ha deciso di incontrare i portavoce dell’Associazione Ipponio Verde. “Abbiamo  illustrato i problemi connessi al progetto del cantiere logistico di Metro C". Si tratta di un'area che sarà adibita ad ospitare i mezzi utilizzati per realizzare la fermata Ipponio, della metropolitana. Il tema è molto avvertito. Per Ipponio Verde, nonostante le rassicurazioni profuse a più riprese dall’Assessore ai Lavori Pubblici Francesco Morgia, “così’ come è stato progettato il cantiere, è potenzialmente pericoloso per la salute e per la salvaguardia dei palazzi limitrofi, devastante per l'area verde e i suoi alberi monumentali, nonché’, in generale, mal progettato in relazione alle effettive necessità”. A fronte di queste considerazioni, l’Associazione chiede di ridurre le dimensioni del cantiere, specificando che questo è possibile farlo “senza ritardare i lavori di realizzazione della nuova linea della metropolitana”.

L'INTERESSAMENTO DEL MUNICIPIO - Il Presidente Fantino ed i Consiglieri municipali Antonello Ciancio e Cinzia Lancia, hanno ascoltato le istanze dei residenti, che hanno già raccolto 1500 firme per chiedere la salvaguardia dell’area verde.  “La presidente Fantino ha condiviso le preoccupazioni per i rischi di lavorazioni potenzialmente inquinanti a ridosso delle abitazioni e per la trasformazione di un giardino con alberi monumentali in un’area di lavoro – fa sapere l’Associazione – ed ha confermato il suo interessamento fattivo per un intervento di riduzione del cantiere che rassicuri la cittadinanza. La presidente ha dichiarato che si farà promotrice di un incontro con il Dipartimento alla Mobilita’ al fine di verificare lo stato di aggiornamento della progettazione del cantiere di Metro C, la sua congruità e la possibilità’ di modificarne il perimetro”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Incidente via Colombo: auto in un fosso, trovata morta ragazza di 28 anni

  • Lavori al Colosseo: sabato 21 e domenica 22 settembre chiuse 13 stazioni della metro B

  • L'allarme del fidanzato, poi la scoperta nel burrone: Claudia trovata senza vita dopo un incidente

  • Tragico epilogo a Ponte di Nona: trovato il cadavere di Amina De Amicis, l'89enne scomparsa 6 giorni fa

Torna su
RomaToday è in caricamento