San GiovanniToday

Caffarella, fumata bianca: il Comune stanzia 1,6 milioni per la riqualificazione del parco

La sistemazione di casali, ingressi e vialetti del parco passa per uno stanziamento che i residenti attendono da anni. Diaco: “Il progetto è già pronto e depositato presso il Servizio Giardini”

Nella foto il casale seicentesco della Vaccareccia

La Caffarella sarà tirata a lucido. Non dai volontari che, in maniera encomiabile, da un paio di decadi se ne stanno prendendo cura. L’iniziativa, questa volta, è stata assunta dall’amministrazione capitolina che ha saputo recuperare dei fondi.

Le risorse per la Caffarella

"Nel bilancio di previsione del 2019-2021", ha fatto sapere Daniele Diaco, presidente della commissione Ambiente di Roma Capitale, ci sono “1 milioni e 600mila euro che sono destinati alla riqualificazione del parco” e che “serviranno per finanziare un progetto già pronto e depositato presso il Servizio Giardini”.

Il pressing dei cittadini

Da tempi infatti i volontari stanno pressando il Campidoglio per far mettere, nero su bianco, i fondi che l’amministrazione capitolina già aveva promesso. Nel giugno del 2018, un anno fa, oltre 500 cittadini avevano sottoscritto un’interrogazione d’iniziativa popolare nella quale “al punto tre – ricorda Rossana De Stefani, presidente del Comitato per la Caffarella  – si chiedeva conto di un finanziamento di 1milione di euro per il parco, stanziato nel 2011 durante la Giunta Alemanno e mai speso”.  

Risorse già annunciate nel 2018

Il punto, sollevato nell’ interrogazione, non ha ricevuto direttamente una risposta. Tuttavia, come ricorda sempre De Stefani sul sito internet gestito dai volontari della Caffarella “ il 6 dicembre (2018 ndr )  si è riunita la X Commissione Consiliare, alla quale siamo stati invitati dal Presidente Angelo Diario. In quella sede il Dipartimento Ambiente ci ha comunicato che sono stati stanziati, nel triennio 2018-2020, 1.599.000 euro per interventi di riqualificazione della Caffarella”. Si tratta della stessa cifra cui fa riferimento Daniele Diaco, anche se, evidentemente l'impegno di spesa è slittato di un anno.  Ed infatti i volontari, nel corso degli ultimi mesi, non ricevendo più aggiornamenti avevano provato ad incalzare sia il Campidoglio che il Municipio VII, dove buona parte della Caffarella ricade.

Una risorsa da valorizzare

La buona notizia è che quelle risorse saranno impegnate a partire dal prossimo anno perché, come ricordato da Diaco , “Il recupero del Parco della Caffarella era uno step fortemente richiesto dal Municipio VII, dal Comitato per il Parco della Caffarella e dai tutti quei cittadini che, quotidianamente, si riversano in uno dei polmoni verdi più importanti della Capitale”. Gli interventi sul parco della Caffarella, d’altra parte, rientrano tra quelli recentemente annunciati anche dalla Sindaca. Raggi infatti, nel citare i lavori previsti nelle aree verdi e nelle ville storiche per il prossimo 2020, ha fatto esplicitamente riferimento “anche ad alcune aree del parco della Caffarella”.

Ecco in cosa consiste il restyling della Caffarella

Ma quali sono questi interventi che occorre realizzare per valorizzare il parco? “I lavori non mancano – premette Roberto Federici, storico volontario del Comitato ed ex Presidente circoscrizionale – occorre sistemare un muro pericolante che si trova nella zona della chiesa di Sant’Urbano. Poi occorre creare un ingresso per le autoambulanze a Largo Tacchi Venturi. In via Gennaro Montanini inoltre bisogna intervenire in un’area interna al parco perché lì la recinzione è stata divelta. C’è anche un casale abbandonato, nella zona di via Abitania e, da ultimo ma non meno importante, va rifatto completamente l’ingresso in via Macedonia”. Lì il cancello è stato divelto ed asportato da almeno tre anni. In sua assenza l’accesso, anche nelle ore notturne, non incontra altri ostacoli. 

Riqualificazione Ambientale Caffarella-2

La questione in sospeso: 11 ettari da aprire al pubblico

“Poi c’è sempre la questione degli ettari già espropriati dal Comune  e lasciati in detenzione precaria ai vecchi proprietari” prova ad argomentare lo storico attivista. Lì però si gioca un’altra importante partita, che consentirebbe ai cittadini di fruire di ampie porzioni di parco, di notevole valore paesaggistico ed archeologico. Da quel campo però, non si registrano novità. 
 

Potrebbe interessarti

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

  • Sos pancia gonfia, cause e rimedi per combatterla

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Sciopero a Roma: mercoledì 24 luglio a rischio bus, metro e tram. Gli orari

  • Incidente a Primavalle: si ribalta con la Porsche e scappa lasciando donna agonizzante in auto

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • Metro A, nel week end chiude la tratta tra Colli Albani e Anagnina

Torna su
RomaToday è in caricamento