San GiovanniToday

ReTree, addio vecchie ceppaie: a Porta Metronia si raccolgono fondi per piantare 229 alberi

Il Comitato Mura Latine ha avviato una campagna crowdfunding per acquistare alberi che saranno anche personalizzati con targhette. L'obiettivo è ricollocarne oltre 200, andando a rimuovere le vecchie ceppaie

Una delle ceppaie da sostituire in zona Porta Metronia

La riforestazione urbana passa per l'iniziativa dei residenti. Il Comitato Mura Latine ha infatti deciso di chiedere ai cittadini i soldi per sostituire gli alberi tagliati o quelli che, invece, nel quartiere risultano essere malati o semplicemente caduti. Un'operazione da rendere possibile grazie ad una specifica raccolta fondi.

"Ripianta alberi dove non ci sono più"

Su piattaforma ULULE è stata lanciata la campagna di  crowdfunding "ReTree Porta Metronia - Ripiantiamo gli alberi dove non ci sono più". Si parte da una mappatura dell'esistente. Strada per strada il Comitato ha censito le ceppaie presenti sui marciapiedi,  distinte in funzione della relativa dimensione. E nella stessa mappa virtuale sono indicate le aree dove, il Comune, ha già autorizzato una piantumazione. 

La collaborazione con il Comune

"Il progetto è condiviso anche dall'amministrazione cittadina che dovrà procedere alla rimozione dei tronchi abbandonati e mettere a dimora i nuovi alberi, il cui acquisto sarà finanziato da noi cittadini – spiega Annabella D'Elia, presidente del Comitato Mura Latine – abbiamo pensato anche di personalizzarli, mettendo una targa".

L'obiettivo: piantare 229 alberi

L'idea da cui i cittadini partono è ambiziosa. "Ci siamo concentrati su un'area di 44,2 ettari ed il nostro obiettivo, in questa fase, è di mettere a dimora 229 alberi – racconta Annabella D'Elia, presidente del Comitato Mura Latine – con la raccolta fondi però siamo partiti da una sola via, perchè non sapevamo come avrebbero reagito i cittadini. Ma in poche ore abbiamo già ottenuto donazioni per oltre 1300 euro". E' la dimostrazione di una sensibiltà diffusa in quel territorio, in prima linea per iniziative green. Contestualmente è anche un buon indicatore del bisogno di sostituire ceppaie che, da troppi anni, continuano ad ingombrare i marciapiedi.

Le piantumazioni previste nella fase 2.0

L'idea di riforestazione urbana, non si limita però al solo quadrante di Porta Metronia. "Il progetto, che è supportato anche da Grab Trees di Legambiente, prevede in una seconda fase di estendersi anche nelle zone di piazza Zama e piazza Tuscolo" spefica la presidente del comitato Mura Latine. Perchè la riuscita di quest'iniziativa abbia un seguito, è però necessario aderire alla sua campagna fondi. Il primo obiettivo, che prevede la riforestazione di una strada, è quasi raggiunto. Ma per arrivare a piantumare i 229 alberi  occorre ottenere circa 40mila euro. Una cifra importante che però consentirà ad un intero quadrante, sempre molto trafficato, di abbattere le emissioni inquinanti e di avere marciapiedi finalmente decorosi.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Traffico illecito di rifiuti: tredici arresti. Indagini partite dal centro Ama di Mostacciano

  • Cronaca

    Ciampino: incendio in aeroporto, passeggeri evacuati e voli fermi

  • Fleming

    Ponte Flaminio, dagli antichi fasti al declino: "Ferri corrosi e degrado notevole"

  • Politica

    Largo Argentina, l'area sacra accessibile e visitabile: "Un nuovo regalo di Bulgari a Roma"

I più letti della settimana

  • Il Treno della Neve: da Roma a Roccaraso in carrozze d'epoca

  • Strade chiuse e bus deviati: il 14 febbraio attesi 5000 gilet arancioni. In serata la Lazio in Europa League

  • Roma, strade chiuse e bus deviati sabato 16 e domenica 17 febbraio: tutte le informazioni

  • Bambina di 22 mesi in ospedale con traumi alla testa, è grave. Arrestato il compagno della madre

  • Manuel Bortuzzo: la forza di non arrendersi mai, inizia la riabilitazione. Il video messaggio

  • Bambina picchiata dal compagno della madre: morsi e ferite alla testa, resta in gravi condizioni

Torna su
RomaToday è in caricamento