San GiovanniToday

Appio Tuscolano, Scup festeggia il comodato d'uso: "E' uno spiraglio di luce in questa città"

Il Centro Sociale, dopo lo sgombero da via Nola, si è trasferito in via della stazione Tuscolana. Lì, dopo quasi 4 anni, ha ottenuto il comodato d'uso gratuito di tre capannoni inutilizzati

"Scusate se vi abbiamo in comodato". Giocano con le parole gli attivisti di Scup, per annunciare una notizia a lungo attesa. Il centro sociale nato nei locali di via Nola, ha ottenuto il comodato d'uso di tre capannoni situati a ridosso della stazione ferroviaria Tuscolana. E' lì infatti che, dal 2015, si era trasferito.

La vicenda

La storia di Scup, acronimo di scuola e cultura popolare, affonda le sue radici nella zona di San Giovanni dove, nella metà del 2012, aveva preso possesso d' un immobile inutilizzato. Quasi immediatamente la proprietà ne aveva chiesto la restituzione. E così, nonostante gli attestati di solidarietà che a più riprese ed a vari livelli istituzionali il centro sociale era riuscito a conquistarsi, gli attivisti di Scup furono costretti a lasciare lo spazio a ridosso delle Mura Aureliane. 

Scup 2.0

"Nel maggio di quasi 4 anni fa - ricordano oggi gli attivisti - ci hanno sgomberato con le ruspe dai locali di via Nola 5. Il giorno stesso, qualche ora dopo, un partecipatissimo corteo ha sostenuto Scup e ci ha dato la forza di non arrenderci alla violenza delle ruspe ma anzi, ci ha permesso di rialzare la posta e di strappare all’abbandono, all’incuria e alla speculazione selvaggia, tre capannoni in via della stazione Tuscolana 82". Da quella nuova occupazione è nato l'attuale progetto di Scup che oggi "dopo una lunga trattativa con la proprietà di tali stabili" può finalmente affermare che "i tre capannoni sono diventati ufficialmente la casa". 

L'annuncio e la festa

"Abbiamo ottenuto un comodato d’uso gratuito che ci sembra un piccolo spiraglio di luce in una città impoverita e desertificata da una politica fondata su logiche securitarie e di esclusione". Uno spiraglio che si mira a trasformare in "una luce abbagliante", una sorta di faro cittadino per chi crede che "alla dilagante retorica del “confine”, dell’isolamento e dell’esclusione" si possa rispondere "con la costruzione quotidiana di percorsi e pratiche di condivisione, autorganizzazione e mutualismo". Per questo Scup ha deciso di festeggiare, con un brindisi rivolto a coloro che sabato 23 febbraio vorranno accettare le scuse per esser stati "in comodati".

.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Più che di “ violenza delle ruspe “ io parlerei di rispetto della legge. Via Nola era abbandonata ma proprietà privata. Ora sono in comodato gratuito e li possono stare legalmente. Questo è il concetto che deve passare. Se sono proprietario di un fabbricato e non lo voglio utilizzare perché mi va così , non puoi occuparlo e farci ciò che vuoi ( anche se di encomiabile utilità sociale ).

Notizie di oggi

  • Cronaca

    La villa dei Casamonica confiscata ma occupata dalla moglie del boss

  • Cronaca

    I nuovi Narcos di Ostia e Fiumicino: disposti a sparare per imporre la droga sul litorale

  • Politica

    Di Maio in difesa degli ambulanti contro il Campidoglio: il capo politico del M5s sconfessa i suoi consiglieri

  • Bologna

    Abbattimento Tangenziale Est, 8mila firme per Tiburtina "green" e ciclabile: il progetto dei residenti

I più letti della settimana

  • Lo sciacallo della Tiburtina incastrato da un tatuaggio: "Ora perderò il posto di lavoro?"

  • Pesciolini d'Argento: cosa sono, come si formano e i segreti per eliminarli

  • Tor Pignattara: cadavere trovato in strada, è morto Saor il trapper di Centocelle

  • Incidente sulla via Tiburtina: investito da un tir, morto un ciclista

  • Ciclista investito, ucciso e derubato su via Tiburtina: preso lo sciacallo

  • Ciclista morto su via Tiburtina, sciacalli rubano il portafogli e prelevano 500 euro

Torna su
RomaToday è in caricamento