San Giovanni Today

Tentato sequestro di un agente d'affari all'Alberone: 3 arresti

Tre uomini hanno tentato di rapire il responsabile di un'agenzia di mediazione creditizia in via Genzano nel quartiere Alberone. I carabinieri sono intervenuti in tempo per sventare il colpo

Sono intervenuti in tempo per evitare il peggio: il sequestro di un 59enne agente d’affari, responsabile di un’agenzia di mediazione creditizia, è stato sventato in Via Genzano dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma con l’arresto di 3 italiani, di 40, 47 e 65 anni,  già conosciuti alle forze dell’ordine. Era quasi mezzogiorno quando nell’agenzia si è presentato il 65enne dicendo a una delle dipendenti di avere un appuntamento con il responsabile, che in quel momento era assente. Nell’agenda dell’ufficio quell’appuntamento non risultava fissato, per cui la segretaria ha contattato telefonicamente il responsabile per averne conferma. L’agente d’affari ha negato di aver fissato alcun incontro di lavoro riferendo che comunque, a breve, sarebbe rientrato.



Dopo qualche minuto, il 59enne, mentre faceva ingresso nei locali dell’agenzia, è stato braccato da 3 uomini che lo stavano attendendo in strada, tra questi anche il 65enne che, nel frattempo, era uscito. La vittima è stata aggredita con calci e pugni e trascinata verso una Matiz, di proprietà di uno degli aggressori. L’agente, approfittando di un attimo di distrazione dei suoi aguzzini, è riuscito a divincolarsi e a rinchiudersi nell’ufficio.

I malviventi non si sono dati per vinti ed hanno tentato di sfondare la porta a vetri, senza riuscirci. In quell’istante è sopraggiunta la pattuglia dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile, in zona per i quotidiani servizi di controllo: alla vista dei militari, i tre malviventi hanno tentato la fuga, ma sono stati bloccati ed ammanettati. Effettuata la perquisizione nella Matiz, i Carabinieri hanno trovato delle fascette in plastica che sarebbero verosimilmente servite ad immobilizzare il sequestrato e materiale vario attualmente al vaglio degli investigatori.  Processati con il rito “per direttissima”, il 40enne è stato portato in carcere mentre i due complici sono agli arresti domiciliari. Le indagini dei Carabinieri sono tutt'ora in corso per accertare i motivi del gesto, probabilmente a scopo di estorsione, e finalizzati a verificare l’eventuale presenza di altri complici implicati nel tentativo di sequestro.${

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di italo italiano
    italo italiano

    3 italiani, di 40, 47 e 65 anni, già conosciuti alle forze dell'ordine“... già noti alle forze dell'ordine, in più colpevoli di tentato rapimento, e chissà che altro...e due di loro non vengono chiusi in carcere, ma lasciati agli arresti domiciliari....è abbastanza allucinante.

  • Porca xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxa !!! Domiciliari per un tentato sequestro .... mah

  • Avatar anonimo di fame
    fame

    la fame e la NON VOGLIA di lavorare ecco a cosa porta!!!PS giudici mi raccomando domani liberi!!!!

Notizie di oggi

  • Politica

    Raggi ancora senza assessore, Tutino rinuncia: "Contro di me esponenti del M5s"

  • Politica

    I soldi delle Olimpiadi senza le Olimpiadi: Raggi batte cassa a Renzi

  • Cronaca

    Sgombero in via Tiburtina, occupanti protestano e bloccano la strada

  • Cronaca

    Metro B: guasto tecnico agli impianti di circolazione, ferma la linea

I più letti della settimana

  • Alla stazione Tuscolana arriva la "casa di Flavio" per accogliere le famiglie di malati oncologici

  • Spostamento mercato Alberone: "Siamo pronti ad una manifestazione in piazza"

  • San Giovanni: lite per la viabilità tra autista del bus 51 ed automobilista, un ferito

  • Adotta una bici, aiuta un richiedente asilo: dal Quadraro a Ciampino solidarietà a colpi di pedale

  • Ancora controlli a via Sannio: abusivi in fuga lasciano due furgoni-deposito in strada

  • Appio Latino: false generalità per sfuggire a controllo, arrestato ricercato

Torna su
RomaToday è in caricamento