San GiovanniToday

Villa Lazzaroni, è allarme processionarie: il Municipio segnala ma il Comune non interviene

La presenza degli insetti sta creando apprensione tra i frequentatori dell’area verde dell’Appio Latino. Ass. Basile: “Già avvertito il Dipartimento Ambiente. A causa del caldo si sono presentate in anticipo rispetto al passato”

Immagine di repertorio

Serve un intervento di disinfestazione. Con urgenza. Chi abitualmente frequenta Villa Lazzaroni è infatti in fibrillazione. Nello storico polmone verde dell’Appio Latino, sono infatti state avvistate le temute processionarie.

La preoccupazione dei cittadini

“Sono giorni che riceviamo segnalazioni sulla presenza di questi insetti. Sono diffusi in tutta la villa ed alcuni cani ne hanno già fatto le spese – ha dichiarato Laura Anastasi, presidente dell’associazione Insieme per Villa Lazzaroni – noi siamo molto preoccupati anche perché, nella mattinata di sabato 22, abbiamo calendarizzato un intervento di pulizia del parco, con Retake. E per quella data non vorremmo imbatterci in qualche processionaria”.

Le segnalazioni del Municipio 

I volontari, sempre in prima linea nella difesa dello spazio verde, hanno già avvertito le istituzioni locali. “Ho ricevuto e personalmente girato una prima segnalazione al Dipartimento Ambiente già lo scorso lunedì, a cui ne è seguita una seconda martedì ed una terza oggi stesso – ha fatto sapere Salvatore Basile, Assessore all’Ambiente del Municipio VII – le segnalazioni sono state inviate anche per Villa Lais e Villa Fiorelli”. 

Gli effetti del caldo

La presenza di questi insetti, a Roma, viene normalmente avvertita nella stagione primaverile. “Ma il caldo che ha fatto negli ultimi giorni – ha sottolineato l’assessore municipale – ha contribuito a far schiudere in anticipo le larve”. Una tempistica che ha colto evidentemente di sorpresa il dipartimento capitolino i cui interventi, da almeno tre giorni, vengono invocati dall’ente di prossimità.

L'inerzia del Campidoglio

C’è chi però ritiene che, l’assenza d’intervento del Servizio Giardini comunale, non possa essere giustificato con l’imprevisto caldo dell’ultima settimana. “Siamo preoccupati per la mancata vigilanza e per l’assenza d’ interventi da parte di Roma Capitale in relazione alla presenza di parassiti nocivi per le piante. Non c’è solo il problema delle processionarie perché, la stessa inerzia, l’abbiamo vista con la cocciniglia del pino" ha fatto notare Guglielmo Calcerano, portavoce dei Verdi di Roma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Regolamento dimenticato

Secondo l'ambientalista “il problema sta a monte: manca il  Regolamento del Verde che, dopo la tanto strombazzata adozione da parte della Giunta Raggi, resta chiuso in un cassetto dell’Assessora Fiorini. E quello lo strumento principe con cui affrontare l’ennesima emergenza”. A distanza di un anno dalla “storica svolta” annunciata dalla Sindaca, il regolamento non è mai approdato in Aula Giulio Cesare. I tempi per una sua approvazione non sono brevi, visto che non è neppure calendarizzato. La disinfestazione delle ville storiche del territorio, però, non può attendere. Ne vale della sicurezza delle famiglie e dei tanti bambini che le frequentano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Roma, dove ha colpito di più il Coronavirus? Ecco la mappa dei contagi nei municipi

  • Terremoto Roma: nella notte scossa di magnitudo 3, epicentro ad est della Capitale

  • Coronavirus: a Roma 39 nuovi contagiati, 4031 casi totali nel Lazio da inizio epidemia

  • Coronavirus: a Roma 54 nuovi positivi, si abbassa il trend dei contagi. Nel Lazio 3095 casi da inizio epidemia

  • Coronavirus, a Roma 45 nuovi contagiati: 3600 casi nel Lazio da inizio epidemia. "In continua crescita i guariti"

Torna su
RomaToday è in caricamento