San GiovanniToday

Villa Lazzaroni, iniziata la bonifica dalle processionarie: “La villa è piena di nidi”

Avviate le operazioni attese da settimane. Anastasi (Ass.Villa Lazzaroni):"Davanti ai miei occhi hanno rimosso da un solo pino ben sei nidi"

Un nido di processionarie. Foto Pixabay

Sono trascorse settimane dalle richieste dei residenti. Finalmente, operatori incaricati dal Dipartimento Ambiente di Roma Capitale, si sono presentati a Villa Lazzaroni per rimuovere i nidi di processionarie.

Le processionarie nella villa

“L’intervento, eseguito da una ditta privata, è partito nella mattinata del 28 febbraio – ha spiegato Laura Anastasi, presidente dell’Associazione Villa Lazzaroni – questi bachi tendono a formare i nidi sulle cime degli alberi, perché hanno bisogno d'essere riscaldati dai raggi del sole. E non si limitano soltanto ai pini, visto che si sono adattati a stare anche sui cedri. Cosa che complica di molto la bonifica”.

Sulle cime degli alberi

Rimuovere tutte le larve in una sola giornata, in una villa storica piena d’alberi d’alto fusto, rischia di non rappresentare un risultato alla portata della squadra intervenuta. “Purtroppo il braccio meccanico in loro dotazione non è sufficientemente lungo ed alcuni nidi, sistemati sulle sommità, potrebbero non essere raggiunti. Tra l’altro, per lo stesso motivo, è anche difficile vederli – ha sottolineato la presidente dell’associazione che si prende cura di Villa Lazzaroni – comunque la villa dev’esserne piena perché, con i miei occhi, ho visto rimuovere sei nidi da un solo pino”.

Il prossimo intervento

La bonifica avviata, non sarà sufficiente a coprire tutta la superficie del parco. “Nella villa c’è una scuola con un giardino al cui interno ci sono altri alberi. La ditta oggi sta eseguendo le manutenzioni non è però stata incaricata d’intervenire anche lì – ha fatto sapere la presidente dell’associazione – e quindi servirà un altro intervento che abbiamo già chiesto al Municipio di caldeggiare”. Potrebbe però non essere sufficiente, rivolgersi all’ente di prossimità, per ottenere una rapida integrazione delle operazioni in corso.

Il ritardo del Campidoglio

Il Municipio VII, com’ha avuto modo di spiegare l’assessore all’Ambiente Salvatore Basile, già a partire dal 17 febbraio, aveva sollecitato l’intervento del Dipartimento Ambiente. La stessa assessora capitolina Laura Fiorini, lo scorso lunedì 24 febbraio, aveva annunciato il rapido avvio delle operazioni di bonifica. Sarebbe stato comunque tardi perché già nella giornata di sabato 22, come ampiamente annunciato, decine di volontari si erano presentati per tirare a lucido Villa Lazzaroni. Il ritardo si è poi ulteriormente accumulato. La buona notizia è che, finalmente, una squadra d’operai ha iniziato la bonifica. La cattiva è che, il loro lavoro, potrebbe comunque non essere sufficiente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Roma, dove ha colpito di più il Coronavirus? Ecco la mappa dei contagi nei municipi

  • Terremoto Roma: nella notte scossa di magnitudo 3, epicentro ad est della Capitale

  • Coronavirus: a Roma 39 nuovi contagiati, 4031 casi totali nel Lazio da inizio epidemia

  • Coronavirus, a Roma 45 nuovi contagiati: 3600 casi nel Lazio da inizio epidemia. "In continua crescita i guariti"

  • Coronavirus, 36 nuovi contagiati a Roma: 3186 gli attuali positivi nel Lazio. Trend per la prima volta è al 3%

Torna su
RomaToday è in caricamento