San GiovanniToday

Arco di Travertino, un flash mob riaccende i riflettori sul monumento allo spreco

Gli attivisti del movimento Liberare Roma hanno manifestato davanti allo spazio multifunzionale dell'Arco di Travertino. Luparelli: "E' del Comune ma l'amministrazione non dà indicazioni e non incontra i cittadini"

E’ un’opera a scomputo dell’adiacente parcheggio multipiano. La sua realizzazione è stata ultimata nel 2013 ma da allora, lo spazio polifunzionale all’Arco di Travertino, non ha mai trovato una reale destinazione.

Si riaccendono i riflettori

Gli attivisti del movimento Liberare Roma, nella giornata di giovedì 13 febbraio, hanno inscenato un flash mob all’interno della struttura inutilizzata. “E’ un luogo da troppo tempo abbandonato” hanno dichiarato, “questa è una risorsa sprecata che potrebbe rappresentare una risposta concreta alle esigenze di questo pezzo di città”.

Un destino prevedibile

L’amministrazione non ha mai deciso come utilizzare quella struttura. Il presidente Zingaretti voleva realizzarvi una Casa della Salute. L'ex presidente municipale Susi Fantino, aveva invece proposto  di installarvi una biblioteca. Durante la passata consigliatura i consiglieri grillini Monica Lozzi e Andrea Coia, oggi rispettivamente Minisindaco del Municipio VII e presidente della commissione Commercio del Campidoglio, si erano già interessati del bene. “Per scongiurare che questa diventi l’ennesima opera incompiutascrivevano i due in un’interrogazione presentata in Municipio, si chiedeva all’allora presidente Fantino cosa intendesse fare “per sollecitare l'amministrazione capitolina a completare il manufatto coperto”.

Uno spazio dimenticato

Il passaggio di consegne, e l’avvicendamento tra centrosinistra e Movimento 5 stelle alla guida sia del Municipio che del Comune, non ha mutato il destino della struttura. La presidente Lozzi ha ricordato che serve un investimento di Roma Capitale.Dal Campidoglio però, a distanza di oltre tre anni dall’insediamento dell'amministrazione pentastellata, non sembra arrivare alcun segnale. E sullo spazio polifunzionale è calato il silenzio.

L'assenza di confronto

“Nel 2013 è stata consegnata l’opera che è di proprietà del Comune di Roma ma non è mai stata trovata una destinazione per questo spazio – ha ricordato Alessandro Luparelli, durante il flash mob di Liberare Roma –attualmente l’amministrazione non dà un’indicazione, non incontra i cittadini né si confronta con i comitati di zona”. Nel silenzio delle istituzioni quello spazio resta ancorato nel porto delle nebbie. Un monumento allo spreco.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Raggi: stop a tutti i concorsi pubblici a Roma

  • Tragedia nella Metro A, morto un uomo investito da un treno alla stazione Manzoni

  • Sciopero, oggi a Roma metro e bus a rischio per 24 ore: tutte le informazioni

  • Blocco traffico Roma: domenica 23 febbraio niente auto nella fascia verde

  • Via Pontina, precipita con la Smart dalla rampa e muore sul colpo. Gli amici lo ricordano sui social

  • Coronavirus Roma: "Scuole chiuse? Fake news". Mezzi pubblici, via alla sanificazione

Torna su
RomaToday è in caricamento