San GiovanniToday

Palazzina Via Assisi: decine di persone vivono tra amianto e rifiuti

Nell'ex cartiera di via Assisi, decine di persone vivono tra tonnellate di rifiuti, a contatto con l'amianto. Tra le proteste dei residenti, la situazione appare ormai fuori controllo

Il destino della palazzina che un tempo ospitava l'Ente Carta e Cellulosa, appare segnato.  Molti cittadini però, nonostante l'evidente stato di degrado in cui la struttura versa, sembra non vogliano arrendersi. E continuano a segnalare le condizioni in cui è l'edificio è confinato. Recentemente, la questione è stata affrontata anche in un reportage della trasmissione televisiva Quinta Colonna.

L'INTERNO DELLO STABILE - "Quando siamo entrati – ci spiega Flavia Cerquoni consigliera municipale di FdI-An, che ha seguito la troupe di Reta4– abbiamo trovato una situazione di degrado assoluto. Si stima che di notte possano esservi un centinaio di persone e d'altra parte, visto che la recinzione sul lato della stazione Tuscolana è divelta, addentrarvisi è facilissimo. Abbiamo notato che, nei quattro piani della palazzina, sono stati  ricavati degli alloggi. Oltre a loro ci sono persone che vi si recano per comprare o consumare sostanze stupefacenti. Ma soprattutto – osserva la consigliera –  c'è una quantità di rifiuti spaventosa". Le telecamere di Rete4, hanno restituito immagini impietose. Cumuli di immondizia disseminata ovunque. "Lì l'AMA non entra perchè lo stabile, l'ultima volta sgomberato nel 2012, è di un privato. Tra l'altro, con gli incendi che ci sono stati, si sono anche bruciate delle parti in amianto. L'edificio infatti andrebbe bonificato" valuta Cerquoni.

L'ATTENZIONE DEL MUNICIPIO - I residenti, ed in particolare il Comitato Appio Tuscolano, stanno spingendo perchè il Comune e l'amministrazione competente, si prendano in carico il problema. Per questo, ancora oggi, sono stati ricevuti dalla Commissione Legalità e Sicurezza del Municipio mentre il mese scorso, sul tema, si è tenuta anche una commissione congiunta. "È necessario installare un impianto di videosorveglianza tra il civico 157 di via Assisi – dov'è presente lo stabile - ed il passaggio pedonale che collega quest'ultima a via del Mandrione" leggiamo in una nota diffusa dal Comitato.

LE RICHIESTE - "Per la sicurezza dei cittadini, contro il degrado del quadrante –  si legge ancora  – è fondamentale lo sgombero immediato dello stabile, affinché la stessa struttura possa essere riutilizzata seguendo un progetto che tenga conto della creazione di vere unità abitative, di spazi sociali e di attività di arti e mestieri" . L'ipotesi dello sgombero, è stata fatta propria anche da Cerquoni, che presiede la Commissione Controllo e Garanzia."Io credo che oltre allo sgombero, sia necessario farsi carico del problema anche da un punto di vista sociale. Non vorrei infatti che, una volta liberata la palazzina, poi i suoi occupanti si vadano a riversare nelle strade limitrofe. Ad ogni modo, sto preparando un'interrogazione". Dunque, a stretto giro, sul destino dell'ex Cartiera, potranno registrarsi altre novità.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Incidente via Colombo: auto in un fosso, trovata morta ragazza di 28 anni

  • Lavori al Colosseo: sabato 21 e domenica 22 settembre chiuse 13 stazioni della metro B

  • L'allarme del fidanzato, poi la scoperta nel burrone: Claudia trovata senza vita dopo un incidente

  • Tragico epilogo a Ponte di Nona: trovato il cadavere di Amina De Amicis, l'89enne scomparsa 6 giorni fa

Torna su
RomaToday è in caricamento