San Giovanni Today

Da viale Castrense a via La Spezia, ecco cosa sta succedendo alle strade di San Giovanni

Le modifiche introdotte alla viabilità, hanno trasformato viale Castrense. Nel tratto tra piazzale Appio e via San Severo è deserta. In quello successivo è totalmente congestionata. Ecco cos'altro è cambiato

Viale Castense all'altezza di via Nola

A passo d’uomo. Su viale Castrense le auto si muovono con una lentezza esorbitante. La nuova viabilità, realizzata a seguito della chiusura dei cantieri per la Metro C,  qualche problema lo crea. Gli automobilisti che arrivano dalla Tangenziale, a distanza di qualche giorno dalle modifiche introdotte, continuano ad incolonnarsi.

SAN SEVERO - Il viale attraversato dalle Mura Aureliane, è congestionato fino a via San Severo. Si tratta di una stradina, ad un solo senso di marcia, su cui si riversano moltissime auto. Via San Severo paga in effetti un caro dazio per le modifiche appena introdotte nella viabilità. Lì si immettono i mezzi privati arrivati dalla Tangenziale e quelli, rarissime, che giungono da piazzale Appio.  Già perché quel tratto, nel quale ieri il presidente della commissione Mobilità del Campidoglio, ha girato un video, è quasi pedonale.

VIALE CASTRENSE - Lì il traffico, improvvisamente, sparisce. Ma è ingannevole pensare che quella situazione idiliaca riguardi tutto il viale. “Qui – spiegava Stefàno nel video postato su facebook – abbiamo promesso ai vari comitati ed ai genitori della scuola Carducci, di realizzare una ciclovia, ovvero un’area ciclopedponale attigua alle mura. Per valorizzare questo patrimonio archeologico e culturale d’inestimabile valore, mettendolo a sistema con la parte restostante di via Carlo Felice” dov'è già presente un'area verde.

I PIU' PENALIZZATI - Per quanto riguarda via San Severo, il presidente della Commissione Mobilità de Campidoglio ha annunciato l’intenzione di renderla “pedonale, almeno parzialmente, facendo defluire il flusso delle auto che arrivano dalla tangenziale, su via Nola”. Le modifiche introdotte a seguito dei lavori per la Metro C, tendono a penalizzare anche la scuola Carducci. Il marciapiede è transennato ed i pedoni sono costretti a passare in un corridoio realizzato con i tondini di ferro.  

VIA LA SPEZIA - A chiudere, c’è “l’autostrada di via La Spezia”. Nella zona compresa tra via San Severo e piazzale Appio, i volumi di traffico sono decisamente superiori rispetto al precedente tratto che porta fino a piazzale Lodi. Tuttavia non sono paragonabili alla densità che si riscontra su viale Castrense. Il motivo è che, su via La Spezia, transitano solo alcune auto, quelle cioè dirette verso piazzale Appio. Una buona parte invece, si dirige verso piazza Re di Roma. Il proposito di lavorare sui tempi semaforici, dovrà quindi tenere conto di quest’aspetto. Anche perchè, diversamente, le auto in arrivo dalla Tangenziale che oggi si muovono a passo d’uomo, sarebbero completamente bloccate sul primo tratto di viale Castrense. E le code, in tal caso, avrebbero ripercussioni sulla Tangenziale stessa.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Rimettete tutto come era durante i lavori. Viale Castrense a scendere dalla tangenziale fino a piazzale Appio e Via La Spezia a salire. Rimarrà talmente tanto spazio su Via La spezia (4 corsie più un marciapiede di destra vendedo da magna grecia enorme) che si potrà fare una corsia Autobus/taxi e una pista ciclabile. Ma chi è il genio che ha pensato la schifezza attuale???

  • La viabilità è ritornata ad essere quella, identica, prima del 23 Aprile 2007, giorno in cui iniziarono i lavori; e anche la prima tratta di Via castrense da Piazzale Appio a Via San Severo è quella di 10 anni fa....

  • Cosa risolverebbe una pista ciclabile, con una bici di passaggio all'ora, o la pedonalizzazione, se non ridurre lo spazio per le auto e creare maggiore caos? In realtà il traffico c'è sempre stato e continuerà ad esserci perché San Giovanni è al centro di Roma e non è Vitinia o la Borghesiana. La proposta di chiudere tratti di viale Castrense è scellerata: dove andrebbero a finire le auto in uscita dalla tangenziale? Il vero problema è che metà di viale Castrense è attualmente chiusa, da via San Severo a piazzale Appio: se fosse aperta, il traffico defluirebbe sicuramente meglio, alleggerendo via La Spezia !

  • Con la chiusura del cantiere la situazione paradossalmente è peggiorata rispetto a prima. Via La Spezia essendo più stretta ed utilizzata, non riesce a smaltire il flusso di auto. Il semaforo aggiuntivo dilata i tempi. Non è stata considerata la persenza della scuola. Via Nola è il solito imbuto. Nel tratto di via La Spezia da piazza Lodi verso via Nola, si crea una coda lunghissima al semaforo perchè l'incrocio è bloccato dalle auto incolonnate su via Nola. Stamattina, anche con la presenza dei vigili urbani, solo per superare il semaforo ed arrivare a piazzale Appio, l'autobus ha impiegato 10 minuti (a piedi ce ne vogliono massimo 6, sono 800 metri)!!! Sarebbe il caso di prevedere una preferenziale, una ciclabile, un area pedonale. Non è stato pensato nulla, forse perchè il cantiere è durato solo 10 anni!!!

Notizie di oggi

  • Politica

    Roma Tpl ancora senza stipendio: assenze alle stelle, servizio rallentato

  • Politica

    Parco archeologico: "E' il Ministero che non sa innovare, non la Roma di Raggi"

  • Altre

    "Per i malati di Alzheimer un villaggio alla Bufalotta"

  • Cronaca

    Colombo a 30 e 50 km/h, una petizione per annullare i limiti. "Strada non sicura"

I più letti della settimana

  • Esce per stendere i panni e il terrazzo crolla su un garage: ferito 57enne

  • Rapina una farmacia a San Giovanni: incastrato dal tatuaggio

  • Stop alle auto private sull'Appia Antica: il progetto M5s per la Regina Viarum

  • Furti nelle auto in sosta: arrestate quattro persone

  • San Giovanni, arriva Matrix Divina: la street art conquista la Metro C

  • Appia Antica "off Limits", la Regina Viarum in versione Ztl divide i romani

Torna su
RomaToday è in caricamento