San GiovanniToday

San Giovanni, sigilli ai box del mercato di via Orvieto. Entro l'autunno demoliti 20 banchi

La Polizia Locale ha messo sotto sequestro cinque box che erano risultati morosi. Assessore Accoto (M5s): "Gli avevamo chiesto di mettersi in regola. Seguiremo la stessa linea con gli altri mercati"

I sigilli al mercato di via Orvieto

Chiudono altri box nel mercato di via Orvieto. Otto banchi, cinque dei quali ancora operativi, hanno  ricevuto un provvedimento di sequestro amministrativo. Sulle saracinesche sono ora stati apposti i sigilli ed il classico nastro giallo della Polizia Locale.

Sigilli ai box

"Da una serie di controlli effettuati dai nostri uffici sulla regolarità dei pagamenti della COSAP (il canone di occupazione di suolo pubblico ndr) da parte degli operatori del commercio, è risultato che 8 operatori del mercato di via Orvieto erano morosi già da 5 anni – fa sapere la presidente del Municipio VII Monica Lozzi - Per un anno intero l'amministrazione li ha più volte invitati a mettersi in regola, non ottenendo da parte loro alcun riscontro".  

Gli avvertimenti ignorati

Un passo avanti in vista del rilancio del mercato che, l'amministrazione, progetta di trasformare radicalmente. "Negli anni sono tanti gli operatori che hanno rinunciato. Attualmente, gli effettivi sono meno di un quarantina, su sessanta box totali" fa sapere l'assessore al Commercio Piero Accoto. Anche i banchi che hanno ricevuto i sigilli non erano tutti quanti funzionanti. "Solo cinque su otto stavano continuando ad operare. Comunque noi avevamo mandato un'ultima lettera, 30 giorni fa, chiedendo per la seconda volta di regolarizzare la propria posizione. Non l'hanno fatto e così gli abbiamo revocato la licenza. E lo stesso faremo con gli operatori degli altri mercati che – avverte l'assessore – non vogliono mettersi in regola".

sigilli box mercato via orvieto-2-2

Il progetto di rigenerazione

Su via Orvieto l'amministrazione municipale ha messo gli occhi da tempo. L'obiettivo è quello di creare un plateatico con uno spazio dedicato alla somministrazione – racconta Piero Accoto – con laboratori alimentari e non, come già fatto con quello del Quarto Miglio". Per ora il progetto è fermo alla fase preliminare. "Gli operatori sono già stati messi al corrente di quelle che sono le nostre intenzioni – afferma l'assessore – mancano ancora dei passaggi, l'ultimo dei quali è l'approvazione, in assemblea capitolina, del relativo progetto di rigenerazione urbanistica".

Via Orvieto tra rilancio e riqualificazione 

Il percorso da intraprendere per il rilancio del mercato, alla cui sopravvivenza Diego Bianchi aveva dedicato il film "Arance e Martello", è ancora lungo da compiere. Nel frattempo prosegue la riqualificazione. "Entro l'autunno abbatteremo 20 box che sono inutilizzati" otto sono quelli che hanno ricevuto il provvedimento "sono vecchi, in alcuni casi anche pericolosi- sottolinea Accoto - Li demolirermo in danno a chi li stava gestendo" spesso, senza neppure pagare la tassa di occupazione. 

Potrebbe interessarti

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

  • Sos pancia gonfia, cause e rimedi per combatterla

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Sciopero a Roma: mercoledì 24 luglio a rischio bus, metro e tram. Gli orari

  • Incidente a Primavalle: si ribalta con la Porsche e scappa lasciando donna agonizzante in auto

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • Metro A, nel week end chiude la tratta tra Colli Albani e Anagnina

Torna su
RomaToday è in caricamento