San GiovanniToday

Nove voragini in ventuno mesi: il record amaro del Municipio VII

Tutte le voragini che si sono aperte nel territorio

L'Alberone è il quartiere più bersagliato, ma tra via Latina e via Tuscolana non sono poche le voragini che, nel corso degli ultimi anni, si sono improvvisamente aperte, creando seri grattacapi all'amministrazione chiamata a fronteggiarle.

Un sottosuolo ricco di cavità e sorprese

Com'era solita ricordare l'ex presidente del Municipio Susi Fantino, il territorio sul quale si sviluppa l'ente di prossimità "è pieno di cave e fungaie". E non solo. Non mancano anche le gradite sorprese. La più importante riguarda la scoperta di un Ipogeo in via Dino Compagni. Nello scavare le fondamenta di un palazzo, i suoi costruttori s'imbatterono in una delle catacombe meglio conservate della Capitale. Un tesoro d'inestimabile bellezza che, ancora oggi, si cela sotto il manto stradale.

Nove voragini in ventuno mesi

"Per ripararare ognuna di queste voragini abbiamo fatto ricorso a fondi del Municipio, anche per velocizzare i tempi degli interventi  – ha spiegato a RomaToday la minisindaca Monica Lozzi – nonostante questo, ogni anno riusciamo a rifare 15-20 strade. Con quella odierna (22 marzo ndr) di Circonvallazione Appia siamo arrivati alla nona voragine. Poi è chiaro che tutte le risorse messe a disposizione per fronteggiare questi interventi,  vanno ad incidere sulle capacità di manutenzione delle altre strade".

Voragini da record

La voragine più longeva del territorio è stata quella apertasi sotto l'amministrazione di Ignazio Marino in via Nocera Umbra. Ha battuto il record della storica buca di via Genzano i cui effetti sulla viabilità, tuttavia, sono stati ben più impattanti. Dal punto di vista della spettacolarità, quella che ha rubato maggiormente l'occhio è stata invece la voragine venutasi a creare tra via Carlo Denina e via Tommaso Fortifiocca, alle spalle di Villa Lazzaroni. Per riempirla è stato necessario portare 21  camion di pozzolana. Ed ovviamente non sono mancati neppure i disagi nella zona, per l'intervento dei sottoservizi che erano rimasti coinvolti nella voragine.

Altre voragini

Il crollo del manto stradale verificatosi a Circonvallazione Appia, ha determinato la chiusura alla viabilità del tratto compreso tra via Numanzia e via Baccarini. Curiosamente si tratta di due strade che, tra il 2016 ed il 2017, sono state interessate dall'apertura di altrettante voragini.  Sempre per restare sull'argomento, negli ultimi mesi si sono verificati almeno due episodi: uno in via Alghero, l'altro in via Savona, nella zona di villa Fiorelli. L'amministrazione è stata inoltre impegnata nella riparazione del manto stradale della piazzetta pedonale situata tra via Santa Maria Ausiliatrice e via Tuscolana. Ed anche nell'intervenire, per una volta in anticipo, sulla cavità che rischiava di far crollare una parte di via del Mandrione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tor Bella Monaca, stroncata la piazza di spaccio del Principe: fruttava 200mila euro al mese

  • O' Principe di Tor Bella Monaca, spaccio h24 e vita in stile Gomorra: così la palazzina è diventata il suo fortino

  • Spari a corso Francia: ladri di Rolex si schiantano contro auto della polizia dopo inseguimento

  • Vede i ladri in casa dalle immagini video, arrestati dalla polizia fra gli applausi dei residenti

  • Terremoto a Roma: scossa ai Castelli Romani avvertita nella Capitale

  • Tragedia sulla Tuscolana: accusa malore nel negozio e muore

Torna su
RomaToday è in caricamento